Unihertz Jelly PRO, smartphone più piccolo al mondo

Dove acquistare lo smartphone online?

Recensione smartphone 4G più piccolo al mondo, Unihertz Jelly PRO

Dopo aver recensito tanti di quegli smartphone che cercano di arrivare alla cima grazie alle prestazioni di batteria, fotocamera, processore o altro..

Abbiamo deciso di testare lo smartphone più piccolo del mondo.

Parliamo della marca Unihertz, un nuovo marchio produttore di telefoni che ci presenta il suo Jelly PRO.

Unihertz Jelly PRO, lo smartphone più piccolo del mondo

Unboxing ed impressioni sui materiali

Arrivato nei tempi previsti (anzi un giorno prima) è un giocattolino bellissimo con tutte le funzioni di altri smartphone blasonati e ben più costosi.

All’interno della confezione troviamo lo smartphone e tutta la cavetteria necessaria per ricaricare la piccola batteria dello smartphone (dopo vedremo i dettagli sulla batteria stessa) ed un manuale di istruzioni.

Si sente che il telefono è in plastica, ma poco importa perché se decidiamo di comprare questo Unihertz non è certo per le sue qualità tecniche!

Recensione smartphone Android Unihertz Jelly PRO

Impressioni tecniche

Il display è piccolino ma è sufficientemente luminoso e ben definito, i films si vedono bene e i colori sono reali ed anche se online con il Wi-Fi si vedono senza interruzioni o blocchi. D’altronde, non possiamo certo paragonare questo telefono da neanche 2,5″ con gli smartphone attualmente in commercio che raggiungono e talvolta superano i 6 pollici di schermo!

Audio abbastanza alto e pulito anche in chiamata. I due giga di ram lo rendono molto reattivo e veloce per le applicazioni più comuni come WhatsApp, Facebook, Messenger, Instagram e tante altre.

Con le cuffie si sente benissimo la musica (naturalmente stereo) e sia brani che films li ho inseriti su una micro SD da 128 Gb che viene letta alla perfezione (basta formattare prima di inserirla).

Che altro aggiungere sul comparto tecnico? Effettivamente l’unica nota dolente è la batteria ma con tutte le funzioni a disposizione è ovvio che duri un po’ poco! Comunque sono riuscito a vedere un film completo di 1 ora e mezza e alla fine la batteria segnava ancora 40%.

Anche la fotocamera è comunque discreta con i suoi 8 Mpx, considerando sempre che parliamo dello smartphone 4G più piccolo al mondo e non di un Samsung o Apple!

Aggiornamenti OTA ed i problemi

Aggiornamento OTA è un update che il dispositivo suggerisce automaticamente all’utente e che chiunque, anche uno meno esperto, può installare. In passato, proprio con Unihertz molti utenti hanno avuto problemi con un aggiornamento rilasciato e appena dopo un paio di giorni ritirato dagli smartphone stessi in quanto creava molti problemi e l’impossibilità di utilizzare il device.

Poco tempo prima infatti, sono stato avvisato che Unihertz ha rilasciato un aggiornamento ad Oreo che in brevissimo tempo si è rivelato pieno di bug, col risultato di rendere inutilizzabili nel mondo un gran numero di apparecchi, che hanno dovuto esse ri-flashati (procedura non semplice per i meno esperti necessaria per ripristinare il telefono), grazie peraltro, all’ottima assistenza step-by-step da parte di Unihertz. Per fortuna non ho fatto in tempo ad aggiornare perché dopo pochi giorni Unihertz ha ritirato l’aggiornamento OTA.

Un mesetto fa invece, il Jelly PRO mi ha avvisato di un nuovo aggiornamento, e dopo avere controllato sul forum di Unihertz che chi aveva aggiornato non avesse avuto problemi, ho aggiornato a mia volta. Beh, ho visto solo miglioramenti con questo aggiornamento. Non so cosa sia successo, ma in dodici ore lo smartphone ha consumato solo il 40% di batteria con Wi-Fi, 4G e BT attivi; non scalda, e funziona che è una meraviglia. Fra l’altro, la nuova release ha aggiunto ulteriori funzioni molto interessanti, come il Face ID, tipiche di devices di ultima generazione e sicuramente di ben altro livello.

Migliorata l’autonomia, i limiti fisici di questo piccolo gioiellino della tecnologia (relativa scomodità nella digitazione, a cui comunque ci si abitua, qualità del display e prestazioni complessive buone in rapporto al prodotto, ma certo non eccezionali, mancanza di impermeabilità) sono ampiamente compensati dal valore che apporta questo smartphone: doppia sim e le sue dimensioni minuscole (resta comodamente nel taschino dei jeans o anche dei pantaloncini da corsa).

Conclusioni

L’acquisto di questo Unihertz Jelly PRO va fatto consapevoli delle sue qualità ma anche delle sue limitazioni. Se sei una persona con delle mani grosse o peggio ancora con dita grandi, farai seriamente difficoltà a digitare in un display così piccolo.

La batteria, da appena 950 Mah, non consente un utilizzo sfrenato dello smartphone durante la giornata, va preso per chi, ha necessità di restare connesso, non vuole troppi ingombri e non desidera essere fuori dalla moda Android del momento.

Quindi siamo tutto sommato molto soddisfatti di questo piccolo gioiellino, fermo restando che ogni dispositivo ha le sue limitazioni.

  • Valutazione di AiTeq

I migliori smartphone testati da AiTeq

Admin

Esperto in Web Marketin, SEO ed appassionato della scrittura per il web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *